Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 16/12/2019 - 11:11


Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Rispondi all’argomento  [ 29 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
 Air Avellino-Banca Tercas Teramo; il pre-gara 
Autore Messaggio
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Air Avellino-Banca Tercas Teramo; il pre-gara
Cita:
Basket - Air Scandone-Teramo: precedenti ed... ex

Tenendo presenti i precedenti in campionato che in Coppa Italia, Teramo ha all'attivo otto successi a fronte ai sei della formazione biancoverde, mentre il conto dei confronti in terra campana e'¨ in perfetta parita' (3-3).
Diversi gli ex tra panchina e campo: Andrea Capobianco (ad Avellino nel 2001/02 e nel 2005/06), Marco Ramondino (trafila nel settore giovanile irpino fino all'anno 2002/03 da assistente) e Drake Diener (in biancoverde la scorsa stagione) da una parte; Cesare Pancotto (tecnico di Teramo nel 2004/05) e Dimitri Lauwers (guardia della Navigo.it nello stesso campionato) dall'altra.



irpinia news

_________________
Immagine


02/04/2010 - 10:35
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Air Avellino-Banca Tercas Teramo; il pre-gara
Cita:

Teramo senza Young. Poeta a mezzo servizio


E' in cerca della nona vittoria contro Avellino (che ha vinto solo in sei occasioni) la Banca Tercas Teramo domani di scena al Paladelmauro. Coach Capobianco deve rinunciare a Jesse Young che giovedì scorso ha subito un infortunio alla caviglia. Il canadese non sarà arruolabile nonostante gli sforzi dello staff medico. Giuseppe Poeta, invece, negli ultimi giorni ha svolto un differenziato per risolvere dei al ginocchio. Sarà impiegato a mezzo servizio.


irpinia oggi

_________________
Immagine


02/04/2010 - 11:48
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Air Avellino-Banca Tercas Teramo; il pre-gara
Cita:

L'ex Capobianco: temo l'attacco di Avellino

Andrea Capobianco, ex di turno che ha lavorato ad Avellino nel 2001/02 e 2005/06, dopo la vittoria bella e preziosa contro Biella spera di poter dare un dispiacere agli ex tifosi: “Dopo l’importante vittoria di domenica, ci siamo rituffati in allenamenti intensi mentalmente e fisicamente per cercare di giocare al meglio questa difficile partita. Avellino ha una grande varietà di soluzioni in attacco, è brava a prendere vantaggio sia con situazioni di pick and roll che di uno contro uno e di palla in post basso con Troutman", dice l'allenatore che aggiunge: "Inoltre può contare su due giocatori, Akyol e Lauwers, bravissimi nelle letture in uscita dai blocchi, quindi dovranno essere prioritarie la concentrazione difensiva e la capacità di non lasciare tiri aperti a un gruppo in cui tutti possono far male da tre punti. A livello offensivo, in ogni azione la spaziatura dovrà essere curata meticolosamente. Avellino ha poi dalla sua l’eccezionale spinta fornita dal pubblico, che in ogni occasione riesce a far rendere la squadra al meglio”. Oltre a Capobianco, nell'elenco degli ex fanno parte anche Marco Ramondino (trafila nel settore giovanile irpino fino all’anno 2002/03 da assistente) e Drake Diener (in biancoverde la scorsa stagione) da una parte; Cesare Pancotto (tecnico di Teramo nel 2004/05) e Dimitri Lauwers (guardia della Navigo.it nello stesso campionato) dall’altra.


irpinia oggi

_________________
Immagine


02/04/2010 - 11:49
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Air Avellino-Banca Tercas Teramo; il pre-gara
Cita:
Scandone, il gioco si fa duro: «Con Teramo partita da lupi»
Pancotto richiama alla realtà e carica



Avellino- «Non abbiamo l’obiettivo dei play off, ma il desiderio di raggiungerli». Il gioco inizia a farsi duro, ma Cesare Pancotto non mette le mani avanti. Tiene solo a sottolineare che, ad inizio stagione, il traguardo dell’Air era un altro. La salvezza. Pressoché raggiunta. Ma siccome la Scandone, pur tra difficoltà, è stabilmente tra le otto che parteciperanno alla post season, è giusto provarci. Dando fondo a tutte le energie. Motivazionali (e la riduzione del prezzo dei biglietti decisa dal club va in questo senso) e tecniche.
«L’unità d’intenti deve costituire la nostra maggiore forza su cui far leva nel finale di campionato». Non a caso il presidente Ercolino ha chiamato a raccolta i tifosi. E ha avuto un confronto con la squadra alla vigilia di una partita che, in chiave play off, l’Air non può permettersi di perdere.
«La dirigenza ha fatto un passo importantissimo intrattenendosi con la squadra e ribadendo il concetto di gruppo, indispensabile per il rush finale. Desideriamo toglierci qualche soddisfazione», assicura il coach marchigiano, consapevole che la sfida di domani sera è di quelle che non si possono sbagliare, se l’Air vuole strappare un posto fra le prime otto.
«Abbiamo la responsabilità di giocare in casa e di interrompere la nostra striscia negativa (quattro sconfitte nelle ultime cinque partite, ndr). Ma non dobbiamo dimenticare che Teramo è una squadra costruita per il doppio impegno coppa (Eurocup, ndr) e campionato».
Quindi, un avversario da non sottovalutare affatto, nonostante la classifica la pone quattro lunghezze sotto ai biancoverdi. «Sarà una gara molto dura. Un match da lupi, per lupi», sottolinea Pancotto, utilizzando una metafora spesso abusata, ma che rende perfettamente l’idea. «Un aspetto decisivo sarà tenere l’uno contro uno in difesa. Allo stesso tempo, sarà importante andare forte a rimbalzo, per aprire il contropiede. In attacco, invece, dovremo alternare il gioco interno con quello dal perimetro, evitando di dare punti di riferimento ai nostri avversari», spiega il coach, che ha il massimo rispetto per un avversario reduce dal colpaccio di Caserta.
«Non so se ci affronteranno come hanno fatto con la Pepsi, abbassando i ritmi e limitando i nostri possessi offensivi. Non so cosa abbiano in mente. Potremmo riproporre noi quel tipo di atteggiamento. Ma, in generale, non pensiamo di attaccarli su un solo aspetto. Dobbiamo cercare di scalfire le loro sicurezza e puntare a far emergere le nostre peculiarità».
Tra cui, ultimamente, c’è quella “zone press” che sta dando buoni frutti. «E’ vero, la zona ci sta dando delle soddisfazioni, ma rappresenta solo una delle alternative difensive. Noi dobbiamo essere pronti a fare tutto, così da essere in grado di variare il nostro modo di difendere e non lasciare punti di riferimento validi all’avversario», dice Pancotto. Il resto dovrà farlo quel carattere “da lupi”. I play off non erano un obiettivo, d’accordo. ma l’appetito vien mangiando. E l’Air non vuole lasciare nulla d’intentato per sedersi al banchetto della post season.


ottopagine

_________________
Immagine


02/04/2010 - 11:50
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Air Avellino-Banca Tercas Teramo; il pre-gara
Cita:

Ad aprile Scandone sempre a secco con Teramo


In perfetta parità la sfida al Paladelmauro tra Avellino e Teramo (3-3) mentre in totale vede Teramo avanti di 8 vittorie contro le 6 della Scandone. Nel mese di aprile, in particolare, Avellino non ha mai battuto gli abruzzesi nei 4 precedenti. Nelle ultime tre sfide Teramo ha sempre ottenuto i due punti: Avellino non vince con gli abruzzesi dallo scorso 28 dicembre 2008 (78-91). Capobianco è in vantaggio con Pancotto per 3-2 negli scontri diretti tra i due allenatori.


irpinia oggi

_________________
Immagine


03/04/2010 - 08:58
Profilo
Mini Socio Fondatore
Mini Socio Fondatore
Avatar utente

Iscritto il: 25/11/2008 - 10:28
Messaggi: 3830
Messaggio Re: Air Avellino-Banca Tercas Teramo; il pre-gara
Carmine Campanella ha scritto:
Cita:

Ad aprile Scandone sempre a secco con Teramo


In perfetta parità la sfida al Paladelmauro tra Avellino e Teramo (3-3) mentre in totale vede Teramo avanti di 8 vittorie contro le 6 della Scandone. Nel mese di aprile, in particolare, Avellino non ha mai battuto gli abruzzesi nei 4 precedenti. Nelle ultime tre sfide Teramo ha sempre ottenuto i due punti: Avellino non vince con gli abruzzesi dallo scorso 28 dicembre 2008 (78-91). Capobianco è in vantaggio con Pancotto per 3-2 negli scontri diretti tra i due allenatori.


irpinia oggi


allora e' arrivato il momento di sfatare questo tabu' :----0 :----0

_________________
Immagine Immagine


03/04/2010 - 10:12
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Air Avellino-Banca Tercas Teramo; il pre-gara
Cita:
L’Air al bivio. Contro Teramo vietato fallire
Dopo quattro ko nelle ultime cinque partite serve una vittoria per restare nelle prime 8



Avellino- Arriva una della sfide più importanti della stagione per l’Air Avellino di Cesare Pancotto, che sarà impegnata, questa sera al PalaDelMauro, nella gara contro la Banca Tercas Teramo, fondamentale per l’approdo ai play off dei bianco verdi. La formazione guidata da coach Capobianco, infatti, potrebbe rappresentare una delle dirette concorrenti al rush finale per le prime otto posizioni e una vittoria contro gli abruzzesi rappresenterebbe, per la Scandone, un importante passo avanti verso la conquista della post season.

Al completo Avellino, tra l’altro, non ha avuto in settimana problemi di infermeria e affronterà la partita contro i bianco rossi al meglio della condizione fisica, mentre i teramani devono registrare l’ormai sicura assenza di Young, infortunatosi alla caviglia in uno degli ultimi allenamenti. Contro una squadra solida e talentuosa in attacco come Teramo, Avellino dovrà porre, come sempre, grandissima attenzione alla fase difensiva, fondamentale per recuperare un buon numero di palloni e ripartire velocemente in contropiede.

Match “da lupi” Anche Pancotto, nella conferenza di presentazione della gara, ha sottolineato l’importanza della fase di non possesso: “Mi aspetto una partita molto dura, quindi, sarà un match da lupi. Il nostro obiettivo primario è tenere l’uno contro uno difensivo perché sarà sicuramente un aspetto decisivo per la nostra squadra. Al tempo stesso sarà determinante andare forte a rimbalzo, al fine di aprire il contropiede”.

La sfida Come ogni partita, però, sarà importantissima anche la fase offensiva e, in particolare, la sfida tra i due playmaker, sicuramente le anime di entrambe le formazioni in campo. Diversissimi per esperienze passate, Brown e Poeta sono i fulcri di Avellino e Teramo e dalle loro mani passa quasi tutto il gioco prodotto dalle squadre in campo questa sera. Per il giocatore cresciuto ad Illinois sarà fondamentale attaccare il pari ruolo campano, sia per caricarlo di falli che per togliergli lucidità dall’altro lato del campo. Ad ogni modo, per tutta la squadra, sarà necessario variare molto le soluzioni: “In attacco, dovremo alternare il gioco dentro e fuori, evitando di dare punti di riferimento ai nostri avversari”.

Il vantaggio Grande importanza, insomma, rivestiranno anche i lunghi, e in primo luogo il solito Chevon Troutman, che dovrà essere bravo ad approfittare dell’assenza di Young e del suo maggior senso di posizione a rimbalzo. In fase difensiva, inoltre, Avellino dovrà essere brava a tenere alta l’intensità lungo tutti i quaranta minuti, senza concedersi cali di tensione che, contro una squadra come Teramo, potrebbero risultare fatali ai fini del risultato finale.

Alchimie Come sottolineato da Pancotto, potranno essere importanti anche alcuni accorgimenti tattici: “Teramo è stata costruita per l'Eurocup. E’ un particolare da tenere in considerazione. La zona? Ci sta dando delle soddisfazioni, ma rappresenta solo un’alternativa difensiva. Non bisogna lasciare punti di riferimento ai nostri avversari e, quindi, dovremo cambiare il modo di difendere”.

Volata play off Dopo la riunione con la dirigenza in settimana, tra l’altro, la squadra dovrebbe essere carica e pronta ad affrontare, con la massima energia, queste ultime gare di campionato, fondamentali per l’accesso ai play off: “La dirigenza ha fatto un passo importantissimo intrattenendosi con la squadra e ribadendo il concetto di gruppo, indispensabile per il rush finale. Vogliamo toglierci qualche soddisfazione”. Guardando ai precedenti, il conto totale dei confronti tra Teramo e Avellino vede gli abruzzesi in vantaggio per otto vittorie a sei, mentre nelle gare giocate al PalaDelMauro il computo è di tre successi a tre. Diversi, poi, gli ex tra campo e panchina: Capobianco, Ramondino e Diener per la Tercas e Pancotto e Lauwers per l’Air.


ottopagine

_________________
Immagine


03/04/2010 - 10:41
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Air Avellino-Banca Tercas Teramo; il pre-gara
Cita:
Air. Nelson, l’arma in più per lo sprint play off
Dagli inizi in ombra alla rinascita tra alti e bassi


Avellino- L’ultima gara di campionato persa contro Siena, nonostante la preventivata sconfitta, ha fornito a coach Pancotto una serie di indicazioni positive, importantissime per il prosieguo del campionato e la corsa ai play off.

La rinascita La nota più lieta per lo staff tecnico irpino è stata probabilmente la “rinascita” di DeMarcus Nelson, guardia americana autore di una stagione non proprio esaltante, ma risultato estremamente positivo nella sfida ai campioni d’Italia. Il cestista uscito da Duke, infatti, si è reso protagonista di una gara pressoché perfetta, conclusa con 19 punti e il 100% dal campo, al cospetto di giocatori sicuramente non facili da affrontare come Hawkins, Domercant e Sato.

Alti e bassi La stagione di DeMarcus, fino alla partita contro Siena, non era stata sicuramente delle più positive, almeno per quel che riguarda l’aspetto offensivo e realizzativo. La guardia statunitense, infatti, non ha mai impressionato, se non in alcune gare, per le proprio caratteristiche in attacco, risultando, tuttavia, sempre utile all’attacco grazie al grande atletismo e alla capacità di difendere con grande intensità. Al primo anno in Europa dopo una gloriosa carriera a Duke, Nelson sta probabilmente risentendo delle differenze tra il basket europeo e quello americano, considerate le difficoltà incontrate dal numero 21 bianco verde per larga parte della stagione.

Esplosività Giocatore esplosivo sotto il profilo atletico ma non sopraffino per quel che riguarda il talento, DeMarcus mette in campo sempre grandissima determinazione ma appare spesso, a parte alcuni limiti tecnici, poco convinto e fiducioso in fase offensiva. Contro Siena, l’ex Duke ha trovato la quadratura del cerchio, mettendo costantemente in difficoltà la difesa di Pianigiani e risultando, allo stesso modo, estremamente utile in fase di non possesso.

Valore aggiunto Quello che può far sorridere maggiormente coach Pancotto è la seria possibilità di aver recuperato, soprattutto in fase realizzativa, un giocatore estremamente importante, che potrebbe avere l’effetto di un nuovo acquisto nella corsa ai play off in queste ultime sette gare.

Progressi Lo stesso Nelson, in settimana, ha confermato quanto apparso nella gara con Siena, sottolineando: “Dopo quasi due terzi di stagione sto interpretando molto meglio i tempi del gioco. Il problema principale che avevo erano i troppi falli, perché sono un giocatore molto aggressivo in fase difensiva. Una volta capiti i fischi, però, mi sto adeguando al modo di arbitrare in Italia. Sono migliorato soprattutto sotto questo punto di vista: meno falli pur mantenendo costante la mia aggressività”.

Le statistiche Analizzando le cifre, l’americano mette a segno, in stagione, dieci punti di media, con un buon 56% da due e un poco onorevole 26,4% da tre, a sottolinearne le caratteristiche non proprio da realizzatore puro. Quello che può far riflettere è che Nelson prende circa otto tiri di media per gara, a fronte dei 12 di Brown e dei 9 di Cenk Akyol. Dopo inizi di gara solitamente positivi, infatti, DeMarcus tende ad uscire progressivamente dalla partita, pagando oltremodo alcuni errori di precisione, specialmente in fase offensiva.

L’obiettivo La carica e l’energia, però, sicuramente non mancano all’esterno bianco verde, ben consapevole della sua importanza in questo rush finale: “Le ultime sette gare saranno sicuramente fondamentali. Siamo nella corsa per arrivare ai play off e possiamo dire che centrare la post season è ormai un obiettivo per la nostra squadra. Ci proveremo e vedremo con queste partite se e in che modo riusciremo ad entrare tra le prime otto”.


ottopagine

_________________
Immagine


03/04/2010 - 10:42
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Air Avellino-Banca Tercas Teramo; il pre-gara
Cita:

Avellino, che rimonta! Battuta Teramo 102-90



L’Air Avellino vince in rimonta su Teramo (priva di Young) ottenendo due punti fondamentali per proseguire il proprio cammino verso i playoff. Vittoria importante, anche in virtu’ dei successi ottenuti da Roma e Treviso.
Questi i quintetti di partenza:

Avellino: Troutman, Brown, Nelson, Szewczyk, Akyol
Teramo: Hoover, Poeta, Amoroso, Diener, Jurak

1° quarto: 19-24
Partono forte gli ospiti: Diener con due triple consecutive firma il primo allungo: 7-13 al 3’. Szewczyk e Brown cercano il recupero ma Teramo da lontano con Amoroso e da dentro con Jurak trova puntualmente il cotone mentre Avellino spreca molto lasciando troppo spazio agli esterni abruzzesi. Nel finale di primo set Brown accorcia con un’azione personale ma il parziale al 10’ vede la Banca Tercas avanti di 5 lunghezze meritatamente.

2° quarto: 41-51
Poeta allunga a +9 in apertura di secondo periodo (29-21), risponde Dylewicz da dentro al termine di un attacco sofferto. Jones in contropiede schiaccia costringendo sul -10 Pancotto a chiamare il time out. Dentro di nuovo Brown insieme con Cortese che va subito a segno da lontano poi subisce un antisportivo che gli consente di realizzare due liberi. Successivamente Jurak va ancora a schiacciare nella retina irpina e Lulli, per reiterate proteste, si vede sanzionare un tecnico sfruttato a metà da Lauwers (1/2 dai liberi). Avellino continua a dilapidare dentro l’area colorata numerosi possessi e viene punita prima da un antisportivo fischiato a Lauwers poi da una tripla di Diener (29-42) che porta Teramo avanti di 13. Cortese da tre riduce ma Lulli dai liberi e Jurak tengono gli ospiti avanti (36-48). Ancora Diener dalla distanza risponde a Szewczyk per il +14 (37-51). L’Air nei secondi conclusivi rosicchia 4 punti tenendo gli avversari lontani di 10 punti a metà partita.

3° quarto: 67-65
Brown in equilibrio precario segna appena dentro l’area, Troutman realizza dopo una lunga danza sul ferro riportando Avellino a -6 ma è il solito Diener da tre a trovare il canestro (45-54) al 23’. Troutman e Szewczyk replicano a Poeta poi giunge l’attesa “bomba” irpina firmata Akyol per il -4. La gara si accende e diventa una battaglia con Avellino che lotta su ogni pallone. Troutman, al quarto fallo commesso, viene richiamato in panchina da Pancotto. Akyol da lontano si esalta e trova la “bomba” del 55-56. In contropiede, con una folle corsa a canestro, Brown realizza il sorpasso: 57-56, rimonta servita. Lo stesso turco, nell’azione successiva, dai liberi allunga a +3. Prima Amoroso (1/2) poi Hoover impattano a 59. Si desta anche il cecchino Lauwers, Teramo sbaglia da lontano e Szewczyk da sotto piazza il 64-59 per un 5-0 confezionato in 30 secondi. Gli abruzzesi segnano solo tiri franchi, prima Hoover poi Jones riducono sul 64-63. La “bomba” di Akyol è presto seguita dal canestro appena dentro l’area di Marino per il 67-65: parziale del terzo set 26-14 per Avellino.

4° quarto: 102-90
Cortese apre l’ultimo periodo con una “bomba”, Amoroso risponde nell’area colorata, poi Troutman da dentro e Akyol da tre firmano il massimo vantaggio irpino: +8, 75-67. Avellino dà spettacolo, sulle ali dell’entusiasmo vola a +10 con Troutman. Parziale aperto di 36-17 in 12’ con gli ospiti che segnano soprattutto dalla linea della carità. Ancora il lungo irpino conserva il distacco di 10 lunghezze. Avellino, nelle ultime uscite male nel tiro da lontano, segna da lontano con ritrovata lucidità e Cortese da tre segna il +11 (84-73). Ingenuo Porta: commette fallo antisportivo su Hoover che prima segna dai liberi, poi indovina la tripla e successivamente recupera palla su Brown servendo Jines per il comodo 84-80 riaprendo di colpo la contesa. Prima Brown dai liberi poi Cortese da tre riportano l’Air a +10 con 2 minuti da giocare. Avellino amministra il vantaggio e conquista il successo.




irpinia oggi

_________________
Immagine


04/04/2010 - 08:52
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Air Avellino-Banca Tercas Teramo; il pre-gara
Cita:

Pancotto: "Siamo stati dei veri lupi"


“Siamo stati dei lupi” dice al termine della partita Cesare Pancotto. “Abbiamo fatto una partita importante, partendo dalle difficoltà createci da Teramo con un grandissimo attacco. Hanno avuto alte percentuali al tiro. Queste difficoltà sono state trasformate. Ho chiesto ai giocatori di cambiare faccia, metterci energia e difendere meglio nel pick ‘n roll. E’ stato un punteggio altissimo. Bravi ai giocatori. Tutti hanno dato il massimo, su di tutti Cortese che ha fatto una partita importante. Quando si segna il 48% da tre e la panchina fa tanti punti, si può fare meglio. Abbiamo creato gli spazi. Teramo difendeva sul post basso. A Siena prima e stasera con Teramo stiamo raccogliendo i frutti di un lavoro mirato sul tiro da tre”, dice il tecnico dell’Air che prosegue: “Ho responsabilizzato la squadra. I 41 punti siglati sono stati buoni, ma i 51 erano troppi subiti. In settimana abbiamo lavorato tanto su tanti aspetti e nella ripresa siamo riusciti ad essere più lucidi. Record di assist di Brown (16 totali)? Non lo sapevo. Sono contento per lui, ma oltre agli assist ha fatto tanto. E’ stato un secondo tempo ad alto livello. Nel terzo quarto siamo rientrati con Porta play-maker in modo da scaricare Brown a livello di pressioni psicologiche”.


irpinia oggi

_________________
Immagine


04/04/2010 - 08:54
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 29 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)