Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 19/11/2019 - 03:59


Crea il tuo forum GRATIS su GlobalFreeForum.com.



Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
 Italia-Serbia sospesa al 7' minuto per scontri. 
Autore Messaggio
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Italia-Serbia sospesa al 7' minuto per scontri.

Click here to learn how to add YouTube Videos to your phpBB forum

_________________
Immagine


13/10/2010 - 08:32
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Italia-Serbia sospesa al 7' minuto per scontri.

Click here to learn how to add YouTube Videos to your phpBB forum

_________________
Immagine


13/10/2010 - 08:34
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Italia-Serbia sospesa al 7' minuto per scontri.

Click here to learn how to add YouTube Videos to your phpBB forum

_________________
Immagine


13/10/2010 - 08:43
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 30/08/2009 - 16:58
Messaggi: 51683
Località: Avellino
Messaggio Re: Italia-Serbia sospesa al 7' minuto per scontri.
Cita:
Ultrà serbi scatenati a Marassi
Sospesa la gara contro l'Italia

Tensione a Genova: match iniziato dopo 37 minuti di attesa e interrotto al 6' sullo 0-0 per le intemperanze dei tifosi ospiti. Si profila il successo a tavolino per l'Italia


GENOVA, 12 ottobre 2010 - Doveva essere la serata di Pazzini e Cassano, nel loro Marassi, contro la Serbia. E invece il loro Marassi è diventato ostaggio dei tifosi ospiti. Che hanno ritardato prima di 37’ e fermato poi, dopo 6’, la partita. Costringendo l’arbitro a fermare tutto. Non si gioca. Perchè non si può giocare. Perchè dalla rete - bucata dagli ultrà - arrivavano in campo e in curva bengala. Perchè a rischio c’era l’incolumità dei giocatori e del pubblico. Vedremo se arriverà il 3-0 a tavolino


LA RICOSTRUZIONE — Le cose si mettono male già prima dell’ingresso dei tifosi da Belgrado (pare che gli ultrà siano in larga parte tifosi della Stella Rossa): in tribuna arriva la notizia di 3 fermi e 15 feriti serbi negli scontri con la Polizia (hanno verniciato il muro di Palazzo Ducale). Allo stadio le cose vanno ancora peggio, precipitano. Circa 1.600 ultrà della Serbia, nel settore ospite, la solita "gabbia" del Ferraris, a dieci minuti dal fischio d'inizio della partita, valida per la qualificazione a Euro 2012, cominciano un lancio di fumogeni verso l'adiacente gradinata nord, riempita da sostenitori dell'Italia. Il lancio prosegue verso il campo, nonostante l'intervento dei vigili del fuoco, ed è accompagnato anche dall'esplosione di una bomba carta. La polizia, in assetto antisommossa, si schiera a bordocampo al di là della recinzione che circonda i tifosi stranieri. Intanto cominciano le scaramucce con i tifosi italiani in curva nord, provocati, che rispondono innaffiandogli con un’idrante. Gli agenti della Digos provano a convincere a scendere una decina di ultrà, che hanno sollevato la rete della "gabbia" e sono appollaiati sulla recinzione. Intanto le squadre entrano in campo. I giocatori sono ignari di tutto, si guardnano intorno spaesati. E’ chiaro che così non si può giocare. L'arbitro scozzese Thomson ne prende atto, e manda le due squadre negli spogliatoi. Circola intanto la voce che il portiere titolare della Serbia Vladimir Stojkovic, già contestato in patria perchè passato dalla Stella Rossa al Partizan Belgrado, sia stato colpito da un fumogeno prima della gara proprio dai tifosi serbi, che già dopo la sconfitta interna contro l'Estonia avevano messo a ferro e fuoco Belgrado.


SI PROVA A PARTIRE — I tifosi ospiti non si placano, e allora provano a calmarli i loro giocatori. Intervengono Stankovic, Krasic e compagni, che chiedono loro di calmarsi, ma li applaudono anche. E ottengono una tregua. Si riparte. Ci si riprova. Ma l’ambiente è surreale, no, non può funzionare così. Si riparte alle 21.27, con 37’ di ritardo. In campo Zambrotta ha la fascia di capitano. Arrivano i fischi del pubblico di casa nostra ogni volta che tocca palla la Serbia. Arriva un fallo di Rajkovic violentissimo dopo 2’, ammonito, ma non distende certo gli animi. Poi Pazzini viene spinto in area serba, sembra rigore netto, l’arbitro fischia punizione contro. Al 6’ la gara si ferma ancora: fumogeni in campo prima e in curva poi, sempre provenienti dal settore ospite. Alle 21.38 arriva la decisione finale: non si gioca. Il pubblico applaude. Si è perso lo spettacolo. Ma non si poteva andare avanti: troppo pericoloso. Il calcio stasera doveva fermarsi.

INCIDENTI — Alla sospensione della gara i tifosi serbi posizionati nel settore 6 hanno abbandonato per la maggior parte il loro posto e sono usciti nella zona di filtraggio. Fuori dallo stadio ad attenderli c'erano un centinaio di tifosi italiani. Inevitabile il lancio da entrambe le parti di bottiglie e fumogeni. Alcuni tifosi serbi inoltre hanno scavalcato i tornelli cercando lo scontro fisico. Le forze dell'ordine in tenuta antisommossa hanno formato un cordone divisorio utilizzando anche i mezzi blindati. Durante la carica della polizia uno steward in servizio allo stadio è caduto ferendosi alle mani.


LA TESTIMONIANZA DI MASSUCCI — Roberto Massucci, responsabile per il Viminale della sicurezza della nazionale italiana di calcio: "Eravamo consapevoli che fosse una partita a rischio, ma un comportamento di questa aggressività era da tempo che non si verificava. Una tifoseria così non doveva arrivare qua. Andavano fermati dalla legislazione serba. E qui non c’era nessuno della polizia serba. Sebbene non avessimo informazioni che qualificassero i tifosi serbi così ad alto rischio come abbiamo poi visto, tenendo conto di precedenti relativi alla Serbia, il piano operativo era comunque calibrato ad una partita ad alto rischio. Questo non significa comunque polizia in campo, come invece è poi dovuto avvenire. Sapevamo comunque che sarebbero stati in tanti. Già nel pomeriggio in centro a Genova abbiamo dovuto favorire l’afflusso allo stadio dei tifosi per evitare che facessero danni in città. Il controllo è stato accurato nella misura in cui può esserlo su 2000 persone in poco tempo. Non abbastanza per evitare che portassero con loro oggetti pirotecnici. La nostra sicurezza è riuscita comunque a scongiurare che entrassero in campo: i tifosi serbi non volevano far giocare la gara. Il delegato Uefa ha poi deciso di far cominciare la partita quando la situazione è migliorata. Poi i lanci di fumogeni sono ricominciati, del resto la tifoseria serba era ostile anche ai calciatori della loro squadra, che hanno cercato di calmarli. Un retroscena: all’atto della partenza del pullman serbo dall’albergo i tifosi hanno tentato di aggredire i giocatori lanciando dentro un fumogeno. Il portiere è accusato di un cambio di maglia non condiviso dai tifosi, poi vedremo se ci sono altre ragioni. La decisione finale di interrompere definitivamente la partita l’ha poi presa l’arbitro, che riteneva non ci fossero le condizioni di sicurezza per spettatori e giocatori".

SCONTRI NELLA NOTTE — Intanto a Genova in nottata sono proseguiti i disordini causati dai tifosi serbi. Nel piazzale antistante lo stadio è un continuo via vai di ambulanze. In un pullman di ultrà sono state trovate due bombe carta. Immagini di guerriglia, dunque: cariche della polizia, lancio di fumogeni, urla e sangue. Sono una quindicina in tutto i feriti accertati: tra questi un carabiniere ed un poliziotto che hanno riportato un trauma cranico e uno facciale. Sei feriti sono stati trasferiti all'ospedale San Martino di Genova, sei all'ospedale Galliera, due al Villa Scassi. Verso l'una di notte, scortati dalla polizia, sono partiti i primi pullman diretti verso Belgrado.


la gazzetta dello sport

_________________
Immagine


13/10/2010 - 08:49
Profilo
Top del Forum di SoloAvellino
Top del Forum di SoloAvellino
Avatar utente

Iscritto il: 25/10/2007 - 18:09
Messaggi: 2593
Località: solofra
Messaggio Re: Italia-Serbia sospesa al 7' minuto per scontri.
alla fine restiamo sempre il paese delle barzellette, dove 4 teppisti riescono a mettere sotto una città, forze dell'ordine e a ottenere i loro scopi, ovvero VISIBILITà (ma cosa kiediamo di + se si ha il barbaro coraggio di dire in diretta davanti a milioni di spettatori ad una madre ke stanno cercando il cadavere della figlia), poikè siamo il paese ke oltre a nn avere la forza di fermare la violenza, anzi si riesce a peggiorare la situazione facendogli raggiungere i loro scopi allo stadio....
xkè hanno aspettato di farlo in italia secondo voi?
facile x i motivi ke ho elencato
la tessere del tifoso vale solo x la gente ke ha il reale desiderio di tifare x la propria squadra del cuore e deve subire inutili file e perquisizioni
signori nn è la gente ke è fatta male, bensì le leggi ke ci governano
nn servono ne controlli ne tessere o tornelli, ma ke si applichino le leggi
ki sbaglia deve pagare con la galera e nn con i DASPO o le tessere o le barriere e le inutili file x comprare i biglietti di uno spettacolo(poikè resta sempre uno spettacolo, sono le leggi inattuate ke lo rendono uno scenario dove sfogare i propri istinti animaleschi, politici e non)
NON PUNITE KI VA ALLO STADIO MA KI COMMETTE REATO FUORI E DENTRO LO STADIO, O PER STRADA O NELLE CASE
francamente nn nutro nessun astio o sentimento cattivo per ivan bogdanov e company, poikè hanno solo sfruttato le possibilità ke il nostro bel paese gli offre, possibilità ke offre a ladri, assassini ecc. e spero ma nn ci credo ke questo nuovo atto ke ha mostrato la vulnerabilità del nostro paaese, possa essere di insegnamento x fornire la retta via da seguire x eliminare la violenza nn solo negli stadi ma dappertutto
ma sn sicuro ke invece si faranno altre inutili leggi e restrizioni ke al posto di eliminare questi fenomeni, li farà anzi aumentare

_________________
SUFRIR SIEMPRE
CEDER NUNCA


14/10/2010 - 19:59
Profilo
Professionista di SoloAvellino
Professionista di SoloAvellino
Avatar utente

Iscritto il: 25/10/2007 - 19:21
Messaggi: 21667
Località: Anacapri
Messaggio Re: Italia-Serbia sospesa al 7' minuto per scontri.
soltanto in Italia poteva succedere quel po' di roba, io la penso esattamente come Peppe, ed è il primo pensiero che mi è venuto in mente.
ho sentito commenti ridicoli per i fatti di Genova, come se l'Italia fosse stata veramente vittima di qualcosa e non invece l'artefice di quella situazione.
nel senso che la pubblica sicurezza e la giustizia in Italia non funzionano.
da leggere su Eurosport il lucido commento di Stefano Benzi che è sulla stessa linea di pensiero.
Genova, poi... ricordo quante armi girarono per le strade della città in occasione di un derby della Lanterna qualche anno fa. E in occasione di ogni derby di Roma, che spettacolo...

Comunque ha poco da lamentarsi l'Italia nel senso di Nazionale se vince a tavolino, perché col cavolo che l'avrebbe vinta quella partita...

_________________
Immagine


14/10/2010 - 21:19
Profilo
Caporalmaggiore Esercito Spartano
Caporalmaggiore Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 12/12/2008 - 20:16
Messaggi: 6577
Messaggio Re: Italia-Serbia sospesa al 7' minuto per scontri.
ridicoli i commentatori rai ....


16/10/2010 - 08:53
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 16/10/2009 - 10:08
Messaggi: 13219
Località: Avellino
Messaggio Re: Italia-Serbia sospesa al 7' minuto per scontri.
Cita:
L'Uefa punisce la Serbia Per l'Italia 3-0 a tavolino

Una partita a porte chiuse e una seconda sospesa per i serbi. Alla Figc multa di 100 mila euro e ha una giornata a porte chiuse con la sospensiva. Ma il presidente federale Karadzic presenterà ricorso. Come si è arrivati al verdetto della commissione disciplinare

Poco dopo le 15 la commissione disciplinare della Uefa ha emesso la sentenza: Italia-Serbia 3-0 a tavolino. Per i serbi una gara a porte chiuse, più un'altra con pena sospesa, oltre a 120 mila euro di multa. Per la Figc 100 mila euro di multa e una partita a porte chiuse con la condizionale. Cioè se entro due anni non capiteranno fatti simili la pena sarà cancellata. Inoltre per tutte le federazioni c'è l'obbligo di non vendere biglietti alla tifoseria serba. Questo il verdetto di una vicenda che, comunque, non si chiuderà qui: la federcalcio della Serbia ha infatti annunciato, per bocca del presidente Tomislav Karadzic, che presenterà ricorso contro contro la decisione della Disciplinare.
In mattinata, la riunione a Nyon si è svolta seguendo la normale procedura, dalle 9 alle 13, senza sosta. Il primo a parlare è stato l'arbitro Thomson, che ha confermato quanto scritto nel rapporto e la necessità di interrompere la partita. Poi è toccato al delegato Uefa, che ha sottolineato l'ottima collaborazione ricevuta dalla federcalcio italiana nella serata genovese. Quindi è stata la volta della delegazione azzurra, formata da Valentini, Di Cesare, Massucci e Gallavotti, il cui concetto portante è stato questo: "Abbiamo fatto il meglio possibile per evitare un altro Heysel. La Serbia non ci ha mai comunicato l'imminente e pericoloso arrivo degli ultrà in massa". Di parere opposto, naturalmente, la delegazione serba, che ha puntato il dito sulle lacune organizzative italiane. La seduta si è conclusa dopo le requisitoria del pm e gli interventi delle difese.
Dopo due settimane e mezzo, insomma, la Uefa fa conoscere il suo primo verdetto. Tutto è nato lo scorso 12 ottobre, a Marassi, quando gli ultrà serbi avevano scatenato l'inferno. Le cose si erano messe male già prima dell’ingresso allo stadio dei tifosi da Belgrado (3 fermi e 15 feriti serbi negli scontri con la Polizia, verniciato il muro di Palazzo Ducale). Più lo stordimento di Vladimir Stojkovic, portiere già contestato in patria perché passato dalla Stella Rossa al Partizan Belgrado, e perché ritenuto "colpevole" di alcuni errori nella sconfitta casalinga con l'Estonia. Poi la situazione era precipitata dentro l'impianto: circa 1600 ultrà, nel settore ospite, la solita "gabbia" del Ferraris, a dieci minuti dal fischio d'inizio della partita avevano cominciato un lancio di fumogeni verso l'adiacente gradinata nord, riempita da sostenitori dell'Italia. Lancio poi proseguito verso il campo, nonostante l'intervento dei vigili del fuoco, accompagnato anche dall'esplosione di una bomba carta.
L'arbitro scozzese Thomson, sebbene a bordocampo ci fossero poliziotti in tenuta antisommossa, aveva provato a dare il via alla gara. Ma tra fumogeni, tifosi aggrappati alle reti di protezione (tra cui il colosso Ivan Bogdanov, che aizzava la folla con le cesoie in mano) e getti d'acqua dagli idranti, si era in fretta deciso di sospendere e annullare il match. Solo 6 i minuti giocati prima del rientro forzato negli spogliatoi.
Gli scontri erano poi proseguiti nella notte, durante la delicata operazione di evacuazione dei tifosi serbi dallo stadio. Il capo-ultrà Ivan Bogdanov, scovato nel vano porta-bagagli di un pullman, era finito in manette: da quel momento, le vicende legate al suo arresto e al processo che dovrà subire sono diventate pane per la stampa italiana e serba. Spenti i riflettori su Bogdanov e calmate finalmente le acque, la palla è passata ai governi e alle federazioni calcistiche dei due Paesi, che hanno iniziato ad attribuirsi vicendevolmente gran parte della responsabilità dell'accaduto. Fino alla sentenza di oggi.

gazzetta dello sport

_________________
Immagine
Immagine


29/10/2010 - 15:35
Profilo
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Tenente Colonnello Esercito Spartano
Avatar utente

Iscritto il: 16/10/2009 - 10:08
Messaggi: 13219
Località: Avellino
Messaggio Re: Italia-Serbia sospesa al 7' minuto per scontri.
Si può dire che, almeno sul piano sportivo, giustizia è stata fatta.

_________________
Immagine
Immagine


29/10/2010 - 15:36
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 9 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010


Politica sulla Privacy (Cookie & GDPR)